PASSEGGIANDO SULLE RIVE DEL LAGO MORO CON I BAMBINI

PASSEGGIANDO SULLE RIVE DEL LAGO MORO CON I BAMBINI

Prosegue la nostra scoperta della meravigliosa VALLE CAMONICA, che ci sta regalando luoghi, paesaggi e panorami straordinari, oggi tocca a una meta poco lontana dalla VAL DI SCALVE.

Chi di voi conosce il LAGO MORO?

Era da molto tempo che aspettavo l’occasione per poterlo ammirare e con l’arrivo delle vacanze estive, mi ero prefissata proprio questa meta come prima escursione per dare il via alle nostre meritate ferie.

Il LAGO MORO è un grazioso lago alpino di origine glaciale, adagiato tra le colline delle Sorline e di Rodino a 381 m, dal colore verde smeraldo, circondato da boschi e posto sotto le pendici del Monte Pora, tra i comuni di ANGOLO TERME e DARFO BOARIO TERME.  Sulle sponde del lago troviamo anche un piccolo borgo abitato: CAPO DI LAGO e con lui anche la Chiesa della SS. Trinità.

 

Iniziamo la nostra piacevole passeggiata lungo le sponde del LAGO MORO….

Avendo come base la VAL DI SCALVE, per noi l’accesso più comodo per raggiungere le sponde del lago è l’abitato di ANGOLO TERME. Una volta giunti in paese, seguiamo le indicazioni per LAGO MORO e giungiamo in prossimità del parcheggio (via Bedosco), qua trovate un parcheggio cementato con circa 30 posti auto, di fronte, per gentile concessione del proprietario, vi è un campo adibito a parcheggio (entrambi gratuiti).

Da qui in 15 minuti si raggiunge il borgo di CAPO DI LAGO, per il giro completo del lago circa 50 minuti (ovviamente non vengono considerate le soste).

Seguendo le indicazioni, iniziamo in nostro cammino prendendo via Lago Moro, la via parallela al campo adibito al parcheggio, lungo la strada asfaltata pianeggiante, superiamo un’azienda agricola alla nostra destra e alcune abitazioni, poi la strada prosegue in discesa e si inizia a intravedere il lago, si supera un maneggio, un agriturismo “Il Moro” e un ristorante “Duse al Lago Moro” (qua per chi volesse può arrivare in macchina e parcheggiare all’interno dell’agriturismo, il parcheggio è a pagamento). Proseguiamo e per un tratto di strada dove  si apre la vista sul lago, da qui possiamo ammirarlo in tutta la sua bellezza, l’ultimo tratto in discesa tra le abitazioni ed eccoci giunti a CAPO DI LAGO.

Al termine della discesa svoltiamo a destra verso il noleggio dei pedalò, lo superiamo e incontriamo un primo lido, con alcune panchine dove sedersi ad ammirare il lago e per chi lo desidera è possibile tuffarsi dal molo nel lago, per una bella nuotata.

Oltrepassiamo questa prima parte e ci troviamo di fronte uno sbarramento naturare, un enorme masso dove arrampicarsi per proseguire il cammino, a fianco di questa roccia si apre un bel prato, dove poter sdraiarsi al sole o per un bel picnic vista lago. Il cammino procede in discesa grazie a delle scalette in legno, scendiamo e raggiungiamo un secondo lido, molto più ampio, con chiosco/bar, tavoli da picnic e tanto verde dove potersi sdraiare per una penichella o un bel riposino dopo una bella nuotata.

 

Dopo un brevissimo giro sulle sponde del lago, ritorniamo al punto dove noleggiano i pedalò e in battibaleno eccoci adagiati sulle dolci acque verde smeraldo del lago. Credevi di non pedalare oggi e invece eccoti accontentata…oggi si pedala sull’acqua!!!!

Pedalare, cullati dalle dolci acque del lago, avvolti dal silenzio, una quiete quasi surreale, l’attimo in cui finalmente capisci di aver staccato la spina dalla solita routine e ti godi il paesaggio!!!

Nel frattempo ci sono dei piccoli piedini intrepidi di accarezzare l’acqua.

Mentre il papà pedala noi ci divertiamo a puciare i piedini nel lago.

In 45 minuti si riesce a fare il giro dell’intero lago, ammirando particolari che dalla riva sarebbero difficili da scorgere.

 

Una volta tornati con i piedi a terra, ma la testa ancora su là tra le nuvole…troviamo il nostro angolino dove fermarci per il nostro picnic in riva al lago. Qualcuno non ha tempo per mangiare e continua su e giù, avanti e indietro, fuori e dentro l’acqua (in estate ricordatevi il costume). Terminato il nostro pranzetto e quando la furia si è calmata, l’acqua è una vera calamita per i bambini, riprendiamo il cammino, lungo la sponda più bassa, il sentiero passa adiacente al lago, così da poterlo ammirare da molto vicino.

Il sentiero non è largo, si cammina in fila indiana, all’ombra di una ricca e fitta vegetazione, moltissimi castagni.

Superiamo il pontile in legno da dove è possibile tuffarsi in acqua,  proseguiamo e arriviamo di fronte a un piccolo molo dove sono ormeggiate diverse barchette per la pesca e poi trovo lui, il mito, la leggenda, la sua scritta sul vetro posteriore mi fa prendere il volo con la fantasia, sognare luoghi e mete lontane, quella voglia di mollare tutto e partire senza una meta fissa, il percorso lo fai strada facendo…”ANNI 60 PER LE STRADE DEL MONDO …..DAL 73 SUL LAGO!”… un VW BULLI trasformato da VAN in imbarcazione, non so quante foto gli ho scattato, vederlo li così, chissà quante cose avrebbe da raccontare se solo potesse parlare.

 

Dico arrivederci a quel sogno e ci immergiamo nel fitto del bosco, quante tonalità del verde che ci accompagnano lungo il cammino, ammirando questi stupendi colori mi viene in mente sempre una citazione che molto spesso uso per le foto dei prati in fiore: “La natura ha migliaia di colori, e noi ci siamo messi in testa di ridurne la scala solo ad una ventina” (Hermann Hesse). 

Lungo il cammino si incontrano alcuni ponticelli, dove fermarsi e perdersi nelle acque verdi smeraldo…….

 

Arriviamo alla conclusione del sentiero che costeggia il lago, salutiamo il lago e ci immergiamo nel bosco, camminiamo lungo uno stretto sentiero in salita che costeggia un edificio in costruzione, facciamo una leggere curva a sinistra e il sentiero si allarga proseguendo sempre in salita fino ad incrociare una strada mulattiera, imbocchiamo quest’ultima svoltando a destra e da qui, si prosegue comodamente su strada da prima sterrata e poi proseguire su cementata fino a giungere al parcheggio, compiendo così il giro panoramico del lago.

La vista da quassù è decisamente suggestiva, siamo tornati al livello di partenza, così abbiamo anche una vista superlativa dall’alto, immancabile la foto con la cornice in legno.

Ed ecco compiuto il nostro giro panoramico del LAGO MORO, che ha fatto breccia nel mio cuore, il suo essere così naturale e semplice, senza troppi fronzoli, la sua natura selvaggia,  la mano dell’uomo è ancora minima e poco invasiva, rendono questo luogo un posto davvero speciale.

Intorno al lago oltre al giro che abbiamo percorso noi , vi è una ricca rete sentieristica tutta da scoprire e spero con l’autunno alle porte di poterlo ammirare in una veste rinnovata con i colori caldi e solari che questa stagione sa donare.

Il lago a piedi può essere raggiunto anche da: 

  • BESSIMO, tramite la strada dei Grimaldi
  • Frazione CORNA: sentiero CAI N. 153
  • GORZONE: sentiero CAI N. 153 attraversando la forra del Dezzo (questo vorrei percorrerlo per ammirare la forra del Dezzo).
  • DA ANGOLO TERME: tramite il sentiero delle SORLINE

In auto il lago può essere raggiunto da ANGOLO TERME come abbiamo fatto noi, oppure da Rogno o Darfo, raggiungendo “Via Aria Libera” e da qui seguire le indicazioni.

N.B.: da fine maggio agli inizi di settembre nei giorni festivi e prefestivi e durante tutta la settimana di Ferragosto la strada di accesso per il lago che sale dalla frazione Corna è chiusa al traffico, è attivo un servizio BUS NAVETTA TURISTICO che conduce al lago .

Un’altra nota che vi lascio e spero di scoprire molto presto dal lago salendo al BELVEDERE DI ANFURRO, mi è stato detto che si ha una meravigliosa vista sul lago MORO, sulla Valle Camonica e sul lago d’Iseo, bisognerà andare a scoprirlo.

Vi lascio un altro N.B.: il giro panoramico del lago non è possibile percorrerlo con il passeggino, quindi zaino portabimbo o marsupio/fascia.

Un lago è il tratto più bello ed espressivo del paesaggio. È l’occhio della terra, a guardare nel quale l’osservatore misura la profondità della propria natura.
(Henry David Thoreau)

Di seguito il nostro video del LAGO MORO

http://youtu.be/4TtyRkD3Xfw

A presto!!!

Chiara – Liberiinnatura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *