PASSEGGIATE D'AUTUNNO: ALLA SCOPERTA DEL LAGO DI CEI E MALGA CIMANA CON I BAMBINI

PASSEGGIATE D'AUTUNNO: ALLA SCOPERTA DEL LAGO DI CEI E MALGA CIMANA CON I BAMBINI

Il lago e le montagne sono diventate il mio paesaggio, il mio mondo reale.
(Georges Simenon)

Quanta bellezza c’è in un paesaggio che si riflette nelle acque calme di lago di montagna? O delle montagne che vanitose si specchiano dentro pozze azzurro cielo? Io lo trovo estremamente affascinante e suggestivo! Ammetto ho un vero debole per i laghi e molto spesso cerco mete e trekking dove posso ammirare il lago dall’alto o raggiungere piccoli e suggestivi laghetti alpini.

In autunno forse il periodo più bello per ammirarli, quando a fine spettacolo la natura da il meglio di se!!! Così grazie a un week-end trascorso in Veneto, passando per il TRENTINO ALTO ADIGE, non ci siamo fatti scappare l’occasione di visitare il meraviglioso LAGO DI CEI!!! Forse non così conosciuto come gli altri laghi del Trentino, ma quanto a bellezza, non ha nulla da invidiare rispetto a laghi più famosi.

Il LAGO DI CEI è un laghetto alpino posto a 920 m di altitudine inserito nell’area protetta di PRA DELL’ALBI insieme al laghetto Lagabis, che si trova di fronte al lago, lungo la strada, nel comune di Villa Lagarina in provincia di Trento, poco distante da Rovereto. Nelle sue acque si riflette la catena dei monti STIVO – CORNETTO -BONDONE. 

Per arrivare al lago di CEI si percorre l’autostrada A22 del Brennero in direzione Brennero, prendere l’uscita ROVERETO NORD, seguire per l’abitato di VILLA LAGARINA e da qui seguire la strada provinciale 20 del lago di Cei, la strada è ben segnalata quindi impossibile sbagliare. Giunti in prossimità del lago, troverete un primo parcheggio alla vostra destra, qua parte anche la strada e il sentiero che porta a MALGA CIMANA (nostra seconda meta della giornata). Poco più avanti si trova un secondo parcheggio, sulla sinistra della carreggiata (libero non a pagamento).

Lasciamo qua la macchina e prima di iniziare il nostro cammino lungo le sponde del lago, ci dirigiamo al parco giochi che si trova poco più avanti del parcheggio alla nostra destra, una meritata ricompensa per la piccola di casa, dopo le ore trascorse in macchina.

Un bel prato grande con diversi giochi (altalene, reti per arrampicare ecc.) tavolini, una graziosa fontana con intagliato un orso e poco prima si trova anche un area pic-nic immersa nel verde.

 

Dopo il gioco è ora di iniziare il cammino alla scoperta di questo splendido specchio d’acqua. Dal parcheggio dove abbiamo lasciato l’auto, iniziamo a camminare lungo il vialetto cementato, superando un paio di case, ci immergiamo totalmente nelle tonalità dell’autunno!!!

Poco più avanti, alla nostra sinistra troviamo un sentierino fatto a gradoni che ci conduce sulle sponde del lago.

 

 

Ed eccoci finalmente sulle sponde del LAGO DI CEI, un piccolo sogno realizzato. Avevo visto molte immagini che ritraevano questo lago e tra me e me pensavo quando mi sarebbe capitata l’occasione di vederlo di persona ed eccomi qui a raccontarlo.

Nel giorno in qui abbiamo visitato noi il lago, un venerdì di metà ottobre, aveva da poco nevicato, le cime erano imbiancate e la nebbia piano piano di stava diradando, così da intravedere un timido sole. Sulle rive del lago regnava un silenzio quasi surreale. Nelle acque si intravedevano alcuni pesci e ovviamente sono diventate un attrazione per la piccola di casa.

Un comodo pontile in legno e una panchina ricavata nel terreno permetto di ammirare il paesaggio in tutta tranquillità.

 

Proseguiamo il cammino, lungo una comoda strada sterrata dal fondo compatto, praticabile anche con passeggino da trekking, superiamo un albergo e ridiscendiamo sulle rive del lago in un bellissimo e ampio prato verde. Qua altre foto di rito non possono mancare e se siete appassioni di fotografia come me, qua trovate pane per i vostri denti.

 

Riprendiamo il cammino, lungo un viale alberato, dal tocco decisamente autunnale e ci ritroviamo nei pressi del primo parcheggio che abbiamo incontrato. Ora la strada prosegue a bordo strada per un centinaio di metri fino a superare un paio di case alla nostra sinistra (qua può diventare scomodo il passeggino, perché oltre a essere a bordo strada, vi sono anche una serie di alberi, uno in fila all’altro, che possono rendere un po’ scomodo il passaggio), però il tratto è breve.

Superate le case ridiscendiamo verso il lago, attraverso una stradina in discesa, raggiungendo anche qua un bellissimo prato.

Qua la natura da il meglio di se, la montagna con le sue cime innevate si riflette sulle acque del lago, i FAGGI, con le loro tonalità calde e le foglie cadute nel lago creano quasi un dipinto, il capolavoro della natura.

 

Risaliamo verso la strada, provvediamo ad attraversala e ci incamminiamo lungo la pedonale che costeggia il laghettino di Lagabis, procediamo lungo la strada fino a ritrovarci al punto di partenza dove abbiamo lasciato l’auto.

Prima di partire in direzione Veneto, abbiamo ancora una tappa da vedere, ad un ora di cammino o in circa 10 minuti d’auto, c’è un piccolo angolo di paradiso che merita di essere conosciuto e visitato.

Parliamo della MALGA CIMANA DEI PRESANI (1.234 m), si trova a circa 3 km dal LAGO DI CEI, come anticipato prima, raggiungibile comodamente in macchina, a circa 200m dall’arrivo troverete un ampio parcheggio dove lasciare l’auto e proseguire a piedi verso la malga, oppure in circa un ora di cammino all’interno del bosco. Noi per problemi di tempistica siamo saliti in macchina (la strada comoda, ma attenzione è stretta). La strada per salire alla malga si trova dove c’è il primo parcheggio, un grande cartello vi indicherà la strada da prendere.

Arrivati a MALGA CIMANA, ti si aprono le porte di un piccolo paradiso, adagiata su una grande prato, circondata dai boschi, un piccolo parco giochi per i bambini e tanta tanta tanta bellissima natura. La malga gestita da un team tutto al femminile, propone piatti della tradizione trentina (ottimo anche il servizio per i più piccoli, con seggioloni, fasciato e come detto prima parco giochi, inoltre anche piatti dedicati ai bambini).

La cucina sembra quasi scontato dirlo ma è davvero deliziosa, CANEDERLI davvero deliziosi, come anche la carne! Pane fatto in casa direttamente da loro. Ampia e spaziosa sala da pranzo, un bel mix tra rustico e moderno e per chiudere il cerchio, la cordialità, la gentilezza e la cortesia delle titolari di questo fantastico luogo, una ricetta vincente!!!

 

 

All’esterno come accennato prima, trovate un grande spazio, un bel prato dove i bambini si possono divertire a correre liberi e spensierati, oltre al piccolo parco giochi.

Ma se credete che la visita sia finita qua, vi sbagliate, MALGA CIMANA ha ancora qualcosa da offrirci prima di dargli il nostro arrivederci. Da qua partono molte altre escursioni, che mi auguro con tutto il cuore, in un futuro di avere la possibilità di poter scoprire la bellezza di questo luogo.

Dalla MALGA, in 5 minuti, si raggiunge un BELVEDERE spettacolare, da qua la vista spazia sulla VALLE D’ADIGE e sulla VALLAGARINA . Una vista straordinaria che ti ruba il cuore.

Infine un’ultimissima cosa, divertitevi a giocare a nascondino nel bosco i vostri bimbi ne saranno felicissimi.

 

Inutile dirlo, anche qua ho lasciato un pezzettino del mio cuore.

Per il poco che abbiamo visto è una valle che merita di essere visitata e scoperta nel profondo del suo cuore, magari anche su due ruote, di sicuro qua gli itinerari non mancano.

Ora vi lascio il link del sito del rifugio dove potrete trovare tutte le informazioni del caso, sempre aggiornato, anche la loro pagina Facebook e Instagram con i giorni di apertura e gli orari, vi ricordo che è sempre gradita la prenotazione come scritto sul sito, obbligatoria la domenica a pranzo http://malgacimana.com/

Spero di essere riuscita a trasmettervi la bellezza di questi luoghi!!!

A presto!!!

Chiara  – LiberiInNatura

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *