TREKKING CON I BAMBINI ALLA MALGA CORNETTO IN VAL SERIANA

TREKKING CON I BAMBINI ALLA MALGA CORNETTO IN VAL SERIANA

Quando si cammina al cospetto della REGINA, tutto sembra così perfetto, impeccabile, straordinariamente stupendo, in effetti lo è veramente. Se parliamo di regina, il nostro riferimento va ha lei: la mitica PRESOLANA (regina delle Orobie). Come ogni sovrana che si rispetti, anche lei è molto suscettibile e a volte pure arrogante, molto spesso si nasconde dietro a un velo di nebbia, o a nubi minacciose di pioggia, ma il giorno in qui è sua volontà farsi ammirare, stai pur certo che quel giorno ti stupirà.

In estate molto spesso, se non tutti i giorni, la Presolana rimane nascosta dall’umidità che si condensa in nebbia se non addirittura in nuvole, come si dice da queste parti, oggi la Presolana ha il cappello e qualcuno azzarda anche la sciarpa.

Per ammirare la bellezza di questo massiccio ci sono molteplici sentieri, i più semplici e di sicuro i più adatti alle famiglie con bambini sono la malga Cassinelli (ribattezzata come rifugio Carlo Medici ai Cassinelli ecco il link della nostra gita: http://liberiinnatura.it/2019/08/28/baita-cassinelli-ai-piedi-della-presolana-con-i-bambini/), oppure quella che andiamo a raccontarvi oggi, il nostro trekking alla BAITA CORNETTO.

Il nostro itinerario parte di fronte all’hotel Stampatti (lo trovate alla vostra sinistra poco prima di raggiungere il passo della Presolana), di fronte all’hotel trovate un parcheggio sterrato dove lasciare l’auto, nel caso non ci fosse potete proseguire poco più avanti e sulla destra troverete un ampio parcheggio sterrato.

Avendo di fronte l’hotel, alla sinistra dello stesso parte una strada dapprima asfaltata che poco più avanti diventa sterrato, da li parte il nostro itinerario. Subito all’inizio troverete un cartello con le varie indicazioni per i sentieri, “BAITA CORNETTO 50′”.

Da qua si può raggiungere anche la baita Cassinelli facendo la strada mulattieria, personalmente preferisco il sentiero nel bosco.

Ci mettiamo in cammino, passiamo dietro a un complesso residenziale abbandonato e in piano proseguiamo lungo la strada, appena usciti dal bosco, la vista si apre, sulla Presolana e sui bellissimi prati sottostanti, ancora belli colorati e ricchi di fiori, sembra di rivivere una seconda primavera.

Piano piano la strada sterrata si addentra nuovamente nel bosco, procedendo ancora per un tratto in piano, arriviamo a un bivio un cartello di legno indica con precisione la strada da prendere. Proseguendo a sinistra raggiungiamo la Baita Cornetto, a destra la Baita Cassinelli. Procediamo alla nostra sinistra ancora leggermente in piano, ma poco alla volta la strada inizia a essere più in pendenza, però senza esagerare. Abbandoniamo nuovamente il bosco e riappaiono i bellissimi prati o meglio pascoli della Presolana. Sopra la nostra testa oltre il bellissimo panorama sulla montagna, possiamo vedere MALGA CORZENE.

Usciti dal bosco, possiamo prendere una scorciatoia (sentiero risale lungo il prato) oppure proseguire lungo la comoda mulattiera che sale con un paio di tornanti. Noi procediamo lungo i verdi pendii, così la piccola di casa si diverte a correre lungo il prato ed ammirare i fiori. Riprendiamo il cammino lungo la strada mulattiera, superiamo il bivio per Malga Corzene e procediamo ora lungo il tratto più ripido dell’escursione, la salita si presenta costante, intervallata da tratti di piano.

Ormai siamo quasi in dirittura d’arrivo, procediamo ancora in salita, superiamo un breve tratto ripido, da qua si può già vedere la nostra meta e il panorama sulla Val Seriana. Superato l’ultima salita  proseguiamo in piano fino alla Baita Cornetto.

Ed eccoci giunti alla nostra meta di quest’oggi, ci troviamo a 1.523 m slm presso la BAITA CORNETTO, che risulta attualmente chiusa. Qua troverete diversi tavoli da pic nic e panche in legno per ammirare l’eccezionale panorama che regala questo luogo. Davanti a noi la vista sul Monte Pora e alla nostra sinistra sul Monte Scanapà e il passo della Presolana, sotto ai nostri piedi, i paesi di Bratto e Dorga e a seguire Castione della Presolana fino alla piana di Clusone e alle nostre spalle la vista sul massiccio della Presolana. La vista di sicuro appaga della fatica fatta, anche se si tratta di un trekking molto semplice e poco impegnativo a livello fisico. Noi ora ci godiamo il panorama mangiando un ottimo panino.

Ora vi lascio alcuni dettagli per organizzare la vostra gita al meglio:

  • ci troviamo in alta VAL SERIANA poco prima di raggiungere il passo della PRESOLANA, il nostro itinerario parte presso l’hotel Stampatti, davanti all’hotel troverete parcheggio, se non si trovasse poco più avanti sulla destra trovate un altro parcheggio più ampio dove lasciare l’auto.
  • ci troviamo ad un’altezza di 1.260 m e si raggiunge i 1.523 della BAITA CORNETTO con un dislivello di 263 m, la tempista da 50 minuti, noi con la bimba ci abbiamo impiegato 1.30 minuti.
  • la baita risulta chiusa, quindi pranzo al sacco e acqua, perché lungo il percorso non troverete fontane.
  • No passeggino da trekking, si zaino porta bimbo, dico no al passeggino da trekking, perchè in alcuni punto il terreno è sconnesso e con molti sassi.

Mi sembra di avervi detto tutto, ora tocca a voi scoprire questo luogo meraviglioso, uno dei miei trekking preferiti, in quanto i panorami che regala sono davvero meravigliosi.

Un consiglio, molto bello percorrerlo anche in autunno, noi l’abbiamo percorso in e-bike e i colori sono davvero eccezzionali: http://liberiinnatura.it/2019/10/28/pedalate-dautunno-baita-cornetto-pedalando-con-i-bambini-ai-piedi-della-presolana/

A PRESTO

CHIARA – LIBERIINNATURA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *