TREKKING CON I BAMBINI ALLA CHIESETTA ALPINA (VAL DI SCALVE)

TREKKING CON I BAMBINI ALLA CHIESETTA ALPINA (VAL DI SCALVE)

Continua la nostra ricerca di itinerari adatti ai più piccoli nella magnifica val di Scalve, quello che vi voglio proporre oggi e un trekking diverso dal solito, infatti non raggiungeremo un rifugio o un balcone naturale, nessuna cascata o panchina gigante. Il nostro cammino di oggi sarà una semplice visita alla “CHIESETTA ALPINA“, una chiesetta molto particolare, lontana dai canoni che siamo abituati a vedere. Adagiata su un bellissimo prato, tra i boschi con una bellissima vista sul PIZZO CAMINO.

Come accennato sopra, ci troviamo sempre in VAL DI SCALVE tra il comune di Schilpario e quello di Azzone, per raggiungere l’inizio del tracciato dovete percorrere la SP 60 che da Schilpario porta ad Azzone e viceversa.

Se giungete da Schilpario, superate la frazione di Pradella e un paio di km più avanti alla vostra destra troverete un piccolo parcheggio sterrato e il cartello indicante “CHIESETTA ALPINA” e da li parte la comoda mulattiera. Viceversa se provenite dall’abitato di Azzone, seguite la strada che vi conduce a Schilpario e dopo un paio di km troverete il parcheggio alla vostra sinistra e alla destra la strada sterrata con l’indicazione “CHIESETTA ALPINA”.

Da qua parte una comoda strada sterrata (alcuni punti cementata) che in 30 minuti, con i bambini sempre qualcosina in più, vi conduce verso questa originale chiesetta.  Il tracciato parte subito in moderata salita, mai esagerata ma costante, all’interno del bosco, l’ideale per trovare un po di refrigerio dalle giornate calorose e si alterna a brevi tratti di piano. Si superano in successione 3 baite, la prima un po abbandonata a se stessa, le altre due invece molto molto carine. Di fronte alla seconda baita, il bosco si dirada un pochino e possiamo ammirare il bellissimo panorama sulla val di Scalve (alla nostra sinistra la regina delle Orobie, le PRESOLANA, segue il comprensorio sciistico di Colere e la sua contrada Magnone, il Ferrante, il Pizzo di Petto, le malghe del Barbarossa, ‘abitato di Vilminore di Scalve.

 

Dopo aver superato anche la terza baita, la più graziosa e originale, proseguiamo lungo l’ultimo tratto di salita su cementata che in breve tempo ci porta a ridosso della chiesetta.

Dalla sterrata, alla nostra destra, tra i prati vediamo sbucare il tetto a punta, proseguiamo, superiamo alla nostra sinistra un area attrezzata per il pin nic, con tavoli in legno e panchine e delle griglie per il barbecue, ed eccoci arrivati alla nostra meta di quest’oggi.

In un bellissimo e ampio prato, si trova la “CHIESETTA ALPINA” costruita nel 1980 dal gruppo ALPINI locale, la sua forma è davvero bizzarra, ma quanto bella.

 

Dalla CHIESETTA, si ha una bella vista sul PIZZO CAMINO. La nostra gita di oggi termina qua, ma la strada prosegue verso altre baite fino alla località SOME, ma questo tratto ce lo siamo tenuti per una prossima gita.

La CHIESETTA ALPINA, è un trekking ideale se si ha solo mezza giornata a disposizione, in quanto il tragitto è davvero breve ed è il luogo ideale dove trovare pace e silenzio che nell’ultimo periodo tutti cercano.

Come itinerario si presta bene, per essere percorso con i bambini piccoli che sono alle prime esperienze sui sentieri di montagna o per abituarli a camminare.

Di sicuro un itinerario al di fuori delle classiche mete turistiche, ma che non ha nulla da invidiare a molti altri percorsi più battuti.

Se vi trovate in zona, la CHIESETTA merita di sicuro una visita anche per conoscere più a fondo questo magnifico territorio.

A presto.

Chiara – LiberiInNatura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *