TREKKING CON I BAMBINI ALL'ALPE MINE (LIVIGNO)

TREKKING CON I BAMBINI ALL'ALPE MINE (LIVIGNO)

Eccoci,

torniamo a parlare di Livigno e delle sue splendide vallate, una più bella dell’altra, ma una in particolare mi ha colpito, per la sua varietà di paesaggio. Ad ogni passo davanti agli occhi ci appariva uno spettacolo grandioso, la natura in tutto il suo splendore, la VALLE DELLE MINE è semplicemente meravigliosa, un giardino dell’EDEN, prati in fiore, animali al pascolo, il suono dell’acqua che scorre verso valle e le vette ancora innevate, in più se ci metti un bellissimo agriturismo pronto a prenderti per la gola, il gioco è fatto.

L’agriturismo ALPE MINE, è la nostra meta, si trova a 2.188 m slm in località Ches’èra dal Gras di Agnéi. Compiendo un giro ad anello lungo la valle, abbiamo potuto scoprire le bellezze naturali che custodisce questa valle.

Per raggiungere l’agriturismo, lasciamo l’auto presso il parcheggio Tresenda (ampio e gratuito) e imbocchiamo via Dali Mina, (strada carrozzabile), passiamo a fianco di bellissime baite e all’agriturismo Tresenda, dove possiamo ammirare bellissimi cavalli intenti a brucare il fieno e alcuni Alpaca che ci guardano incuriositi.

 

Giunti in località Pont da l’Al (1.900 m), dove potete trovare anche una piccola area pic-nic, svoltiamo a destra e seguiamo le indicazioni per Ches’éira dal Gras di Agné (sentiero n. 116 – tempo 1.10). Il sentiero mette subito a dura prova le gambe, i primi 10/15 minuti di cammino sono all’interno del bosco lungo un ripido sentiero, terminata la salita, il sentiero prosegue in piano sempre all’interno del bosco. L’ambiente è davvero suggestivo, alla nostra sinistra, il fragore del torrente che scorre verso valle ci tiene compagnia ed è spunto anche per una pausa gioco per la piccola.

 

Ci rimettiamo in cammino dopo una breve pausa, sempre in piano, passiamo vicino al ponte degli innamorati, un grazioso ponticello abbellito con stupendi cuori in legno intagliati. Il bosco inizia a diradarsi e lasciare maggiore spazio di visibilità, passo dopo passo, ci appaiono le montagne con le loro cime ancora imbiancate. Ora sono i prati in fiore ad accoglierci in questa meravigliosa valle, alla nostra sinistra, rialzata, possiamo scorgere la carrozzabile che percorreremo al ritorno, il fiume sempre alla nostra sinistra ci accompagna lungo il nostro cammino. Il sentiero prosegue alternandosi a tratti di piano e altrettanti tratti di leggera salita.

 

Proseguiamo il nostro cammino lungo il sentiero, ai margini, troviamo ancora chiazze di neve, un richiamo a cui non si può resistere. Ormai non manca molto, iniziamo a intravedere l’agriturismo in fondo alla nostra sinistra.

Ora il sentiero riprende a salire, ma il tratto è breve, superiamo un ponticello di legno e continuiamo in costa, ultimissimo tratto, discesa, superiamo un altro ponticello di legno, piccola salita ed ecco il traguardo, ALPE MINE conquistata.

 

L’ambiente è davvero suggestivo, meravigliosi prati in fiore, un gregge di capre dall’alto della montagna ridiscende verso l’agriturismo, un bellissimo parco giochi, per la gioia dei vostri bimbi, panchine e sdraio per crogiolarsi al sole.

Ad accogliervi i sorrisi e la gentilezza del personale, una bellissima area attrezza per pranzare tra il verde dei prati e l’azzurro del cielo e da cornice il Monte delle Mine (2869 m slm) e il Monte del Buon Curato (2768 m).

 

Ci gustiamo un ottimo pranzo, all’aria fresca e frizzante qua sopra i 2000 m, assolutamente da non perdere il loro tagliere di salumi e formaggi di loro produzione, vi verranno serviti in un bellissimo cestino di vimini e la birra artigianale di Livigno, oltre alle altre portate e non può mancare una deliziosa fetta di torta.

Ed ora è tempo di riposo e di gioco. Oltre al bellissimo parchetto giochi (scivolo, altalene e sabbiera), l’attenzione dei vostri bimbi ricadrà su 3 simpatici coniglietti (ROCCIA, LUPO e NEVE).

 

Dopo il meritato riposo, giunge sempre l’ora di riprendere la strada del ritorno.

Proseguiamo il nostro cammino compiendo il giro ad anello, il ritorno avviene lungo la carrozzabile che dall’Alpe ci riporta al punto di partenza (ideale da affrontare anche in MTB o E-BIKE, come abbiamo fatto noi l’anno precedente).

Una comoda mulattiera, risulta essere anche un percorso botanico, pannelli illustrativi spiegheranno le caratteristiche della flora e fauna del luogo, lungo i pendii, tanti piccoli ruscelli.

Il tracciato nella prima parte risulta pianeggiate, per scendere dolcemente, per poi affrontare l’ultima salita della giornata che ci porta alla Ches’éira da li Mina (2140 m), dove una bellissima fontana, vi disseterà e sarà l’occasione di incontrare le mucche al pascolo. Da qui in poi la strada scende fino a rincontrare il bosco e terminando con un paio di tornanti ritorniamo al Pont da l’Al e proseguiamo verso il parcheggio.

Se i prodotti dell’Alpe Mine vi hanno deliziato, proprio dopo l’agriturismo Tresenda, sulla strada, troverete lo spaccio aziendale Alpe Livigno dove acquistare i prodotti dell’Alpe Mine e della malga Vago (vedi il nostro trekking: http://liberiinnatura.it/2020/06/30/trekking-con-i-bambini-allalpe-vago-livigno/ ), così da portare a casa con voi un gustosissimo ricordo della magnifica giornata.

La nostra meravigliosa escursione giunge al termine, negli occhi e nel cuore ci portiamo quei panorami e quella natura tanto rigogliosa e stupenda che abbiamo potuto scoprire passo dopo passo in questa strepitosa valle.

 

Ed ora alcuni dettagli per organizzare la vostra escursione:

  • La valle delle Mine è una vallata laterale di Livigno, in zona Tresenda, lungo la strada che conduce al passo della Forcola, proprio in località Tresenda trovate il parcheggio (gratuito) dove posteggiare. Da li prendendo via Dali Mina inizia il nostro trekking alla scoperta della valle.
  • Noi abbiamo percorso un giro ad anello partendo dai 1900 m giungendo a 2188 m, il dislivello è davvero contenuto. Se fate la sola mulattiera, posso azzardare che è fattibile con passeggino da trekking, ma tenete presente che la parte iniziale all’interno del bosco, dopo aver superato un paio di tornanti presenta una salita marcata, poi prosegue dolcemente alternando tratti di piano a leggera salita. Il giro ad anello non è fattibile con passeggino da trekking ma con il solo zaino portabimbo. Noi abbiamo affrontato il percorso con una bimba di 3 anni, ci abbiamo impiegato due 2 ore l’andata, tempistica ufficiale 1.10. L’andata abbiamo seguito il sentiero n. 116, il ritorno la mulattiera. Il sentiero non presenta difficoltà, può essere percorso tranquillamente anche da persone meno allenate, a parte il primo strappo poi il sentiero mantiene sempre un andamento dolce e costante, l’ultimo tratto, riprende a salire ma gradualmente ed il tratto è breve, il totale dei km percorsi sono circa 6 km o poco più.
  • Nel caso vogliate acquistare i prodotti dell’Alpe delle Mine, in via Dali Mina trovate lo spaccio con i loro prodotti a km zero.
  • Vi lascio i link utili:
  • http://www.agriturismoalpemine.it/
  • http://www.alpelivigno.it/
  • http://www.livigno.eu/

Ora tocca a voi!!!

Buone camminate!!!

Chiara – LiberiInNatura

navigate_before
navigate_next

 

2 Responses

  1. Ciao una domanda… è fattibile con il passeggino, se si facesse la mulattiera, oppure serve lo zaino da montagna ? Siamo abituati a camminare in montagna ma x il piccolo di due anni ho paura sia troppo

    1. Ciao, la mulattiera ha un fondo ben battuto (parliamo del giugno 2020), però presenta delle belle pendenze soprattutto nel primo tratto. Io sconsiglio l’utilizzo del passeggino, a mio parere diventerebbe davvero impegnativo e faticoso la spinta dello stesso.
      Ti consiglio lo zaino porta bimbo, o in alternativa se vi piace pedalare, potete affittare le e-bike con carrellino o seggiolino e da Livigno, tramite la ciclabile arrivare su fino all’Alpe Mine, noi l’abbiamo fatto nel 2019 è stato molto divertente, saliti e scesi sempre dalla mulattiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *