PASSEGGIATE D'INVERNO - RIFUGIO LAGO PALU' DIVERTIMENTO PER I BAMBINI

PASSEGGIATE D'INVERNO - RIFUGIO LAGO PALU' DIVERTIMENTO PER I BAMBINI

Siamo nel pieno dell’autunno, a predominare sono ancora i colori caldi del giallo e dell’arancio, ma sulle cime delle montagne in questi giorni, il paesaggio poco alla volta sta cambiando con l’arrivo della dama bianca.

Ed eccoci pronti per tornare a camminare sui sentieri colmi di neve, a rispolverare l’attrezzatura invernale, che per una famiglia con una bimba piccola, si tratta solo di un vecchio bob rosso, che ci stiamo tramandando di generazione in generazione, ma ancora oggi fa il suo lavoro a dovere.

Oggi vi vogliamo portare in luogo davvero suggestivo, molto semplice da raggiungere e poco impegnativo, l’ideale per riprendere il ritmo. E allora si parte destinazione Valmalenco.

Oggi sconfiniamo in Valtellina, precisamente in Valmalenco, valle laterale della Valtellina, dove anche negli anni di magra qua la neve non manca visto le altitudini che si raggiungono. Raggiungiamo Chiesa in Valmalenco, a 1000 m di altitudine, ancora circondata dai colori dolci e caldi dell’autunno. Per una volta facciamo un eccezione, non è nostra abitudine prendere i mezzi di risalita, ma questa volta, vista la scelta dell’itinerario, è d’obbligo. La nostra piccola tutta entusiasta non vede l’ora di salire, su quella buffa scatola rettangolare. Prendiamo la famosa Snow Eagle (capienza 160 persone forse una delle più grosse funivie dell’arco alpino) che in brevissimo tempo ci porta all’Alpe Palu’.

Dall’autunno, all’inverno il passo è breve e in un paio di minuti il paesaggio è completamente cambiato, adesso solo bianco intorno a noi.

Ed eccoci finalmente a calpestare la neve, lo spettacolo delle Alpi da quassù è veramente strepitoso, il pizzo Scalino, il Disgrazia e il Bernina come cornice a questa giornata che si preannuncia davvero fantastica.

…IL PIZZO SCALINO…

Usciti dalla funivia ci troviamo direttamente sulle piste da sci. Alla nostra destra un cartello in legno segna 30′ minuti rifugio Motta (segnato come futura meta da raggiungere), invece noi siamo diretti al rifugio Lago Palu’. Prendiamo la funicolare “rossa” a cremagliera che si trova alla nostra sinistra, usciti dall’impiato di risalita, che ci porta direttamente all’alpe Palù a 2000 m. di altitudine. Una gnometta vestita in fucsia è impaziente di saltare sul bob. Giunti all’Alpe Palù, inizia la nostra vera escursione, molto semplice e relativamente corta, infatti da qua in 30 minuti si raggiunge il rifugio. La piccola salta sul bob e iniziano le risate di felicità. Dall’alpe Palù proseguite dritti mantenendo la sinistra, per un tratto dovremmo seguire la pista da sci, quindi un occhio di riguardo. Superiamo il punto di ristoro i Campanacci dell’Alpe Palù che si trova alla nostra sinistra, proseguiamo dritti, sulla pista pianeggiante, arriviamo a un cartello di legno indicante la cartina, lo superiamo e proseguiamo, sempre sul bordo della pista. Su degli abeti troverete una freccia indicante il rifugio Lagò Palù.

…LUNGO LA PISTA DA SCI CHE CONDUCE AL LAGO PALU’…

Le indicazioni sono ben precise, quindi impossibile sbagliare strada. Proseguiamo il nostro cammino seguendo la pista che svolta leggermente a sinistra, proseguiamo per un breve tratto e arriviamo a un punto dove per forza dobbiamo attraversare la pista.

Prestando molta attenzione e sopratutto evitando di disturbare gli sciatori, attraversiamo velocemente la pista, che porta alla località Barchi e poi al paese di San Giuseppe da dove parte un bellissimo itinerario che porta al rifugio lago Palù, senza dover prendere l’impianto di risalita. Noi l’abbiamo percorso con la nostra piccola che aveva 11 mesi in inverno ed è stato davvero uno spettacolo, potete trovare il nostro racconto a questo indirizzo: http://www.babytrekking.it/rifugio-lago-palu-inverno-bambini-valmalenco/

Proseguiamo ancora lungo la pista da sci ancora per poco, arriviamo a un bivio, dove troverete due punti ristoro e un cartello indica di prendere la stradina sulla sinistra che scende dritta verso il lago, abbandoniamo definitivamente le piste da sci ed ora siamo pronti per una bellissima discesa in bob.

Al termine della discesa, ecco spuntare davanti ai nostri occhi il lago Palù, che in questa stagione ormai lo si vede in veste ghiacciata, sembra di essere stati catapultati all’interno del cartone di Frozen. Lo spettacolo è davvero suggestivo, difficile tradurlo in parole, se non che semplicemente magnifico.

…LA BELLEZZA DEL LAGO PALU’…

Continuiamo a camminare sul sentiero battuto che costeggia il lago, ci troviamo a 1923 m slm, arriviamo al bivio, da dove sale il sentiero che parte da San Giuseppe, noi prendiamo il sentiero in salita sulla destra che ci conduce al rifugio lago Palù, nel mese di novembre il rifugio è chiuso, riapre le sue porte con l’arrivo di dicembre. Procediamo lungo la salita fino a giungere sulla bellissima terrazza panoramica del rifugio.

Il rifugio, si trova davvero in una bellissima posizione, in mezzo al bosco, con una vista davvero pazzesca sul lago e sull’alpe Palù. Un vero peccato che sia chiuso, la cucina è davvero eccezionale, con portate tipiche valtellinesi, una scusa per tornarci assolutamente, il personale davvero gentile e cordiale. Una nota positiva, per i più piccoli sono a disposizione seggioloni per farli pranzare seduti comodamente.

La terrazza panoramica è davvero uno spettacolo, attrezzata con tavoli a forma di botte e panchine, non mancano le sdraio per prendere il sole. Davvero una meta da mettere in agenda per le vostre prossime gite sulla neve, vista anche la semplicità nel raggiungerlo, non avete scuse e nel caso, il ritorno può essere fatto in motoslitta, grazie al servizio che offre il rifugio. Ora non avete più nessuna scusa!!!

Ci fermiamo ad ammirare il paesaggio circostante, la piccola di casa si diverte a correre avanti e indietro sulla neve. Cerchiamo i ghiaccioli che si formano sui bordi della neve e ci tiriamo palle di neve. La neve rende felice e ci fa tornare bambini.

…LA VISTA DAL TERRAZZO PANORAMICO DEL RIFUGIO…

 

Vi consiglio vivamente di percorre il giro del lago, lungo il sentiero pianeggiante, è davvero una piacevole camminata, anche per avere una visuale diversa del paesaggio. Per gli appassionati di sci di fono, intorno al lago piene preparato un anello da percorrere.

Per noi è giunta l’ora di riprendere la via del ritorno, ripercorriamo lo stesso tragitto percorso al mattino, però in salita questa volta. Salutiamo questo luogo davvero suggestivo e procediamo verso l’alpe Palù per poi ridiscendere con la funivia a Chiesa in Valmalenco.

 

L’escursione è davvero semplice adatta veramente a tutti, visto l’assoluta assenza di difficoltà e il breve tratto da percorrere. I bambini si divertiranno tra palle di neve, discese con il bob. Per i più picccoli, raccomando zaino porta bimbo. Per i più grandicelli bob, per il loro divertimento.

La Valmalenco dalle zone limitrofe di Milano è davvero facilmente raggiungile in circa 2 ore di auto.

Giunti a Chiesa in Valmalenco potrete posteggiare l’auto presso i parcheggi della partenza della funivia.

Vi lascio alcuni link utili per organizzare la vostra gita:

http://www.valmalencoskiresort.com/

http://rifugiopalu.it/

http://www.rifugi.lombardia.it/sondrio/chiesa-in-valmalenco/rifugio-palu.html

http://www.valtellina.it/

A presto con nuove gite sulla neve!!!

navigate_before
navigate_next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *