BAITA CASSINELLI, AI PIEDI DELLA PRESOLANA CON I BAMBINI

BAITA CASSINELLI, AI PIEDI DELLA PRESOLANA CON I BAMBINI

C’è un luogo dove non ci stanchiamo mai di tornare, ormai abbiamo perso il conto di quante volte siamo saliti lassù. Ogni volta che qualche amico ci chiede di portarlo in montagna, ci guardiamo negli occhi e la risposta è sempre la stessa: “saliamo alla Baita Cassinelli”. Un luogo davvero meraviglioso, al cospetto della Regina delle Orobie, la maestosa Presolana.

Ci troviamo in alta Val Seriana, al passo della Presolana, in provincia di Bergamo, dove parte il sentiero che conduce alla Baita Cassinelli, da poco rinominato rifugio Carlo Medici, anche se per tutti rimane sempre la cara e vecchia Baita Cassinelli, con tutto il suo fascino che si porta dietro da tempo.

Come anticipato prima, il sentiero parte proprio dal passo della Presolana, a fianco della casa per ferie Neve (davanti a questo, troverete un grande spiazzo sterrato dove poter parcheggiare (parcheggio libero non a pagamento) e di fronte al negozio Presolana Ski e E-bike (negozio sportivo con possibilità di noleggio E-Bike).

 

Si prende la strada cementata, un cartello in legno indica Baita Cassinelli, ed altre bellissime mete che da quest’ultima si possono raggiungere.  Proseguiamo in salita, dopo poche centinaia di metri la cementata lascia spazio allo sterrato e prosegue per svariati metri in piano. Arriviamo a un bivio, noi proseguiamo dritti ed entriamo nel bosco. Il cartello specifica che la Baita Cassinelli può essere raggiunta anche continuando sulla strada forestale, ma il sentiero non è indicato per i bambini.

Noi proseguiamo il nostro cammino all’interno del bosco, riprende la salita, dapprima su un bel sentiero largo per poi lasciar spazio a una salita più decisa tra radici sporgenti e sassi, questo è il tratto più “critico”, i bambini più piccoli, avranno bisogno del supporto di mamma e papà per superare questo breve tratto, i più grandicelli si divertiranno a scalare.

Superato questo breve tratto, il cammino prosegue dolcemente in salita, sempre all’interno del bosco, intervallato a brevi tratti di piano.

Piano piano il bosco si dirada e iniziamo a intravedere i primi prati, molto spesso adibiti a pascolo ed ecco fare capolino la Presolana (il versante sud), oggi sgombra da nubi, davvero difficile in questo periodo vederla così limpida, ci sentiamo davvero fortunati.

Ormai manca davvero poco alla nostra meta, l’ultimo strappo finale, rientriamo per un breve tratto nel bosco e poi svoltando a destra proseguiamo lungo il pendio erboso per un paio di metri, alla nostra sinistra troviamo un sentiero che ci conduce direttamente alla Baita Cassinelli, gli ultimi metri ed eccoci giunti alla nostra meta di quest’oggi.

E come ricompensa la meravigliosa vista su tutto il versante sud della Presolana, grazie al vento in quota che tiene lontano i nuvoloni, possiamo goderci questo spettacolo.

La Baita Cassinelli, ha una bellissima veranda attrezzata con tavoli e panchine per il pranzo, con una vista stupenda sulla vallata, è ben visibile il paese di Bratto, il Monte Pora e anche le cime attorno al passo della Presolana (Scanapà e la sua Croce).

Dietro alla Baita, troverete un aera pic-nic, con tavoli e panchine e un bel pianoro dove i vostri bambini potranno giocare in libertà, potranno esplorare la zona, andare a curiosare cosa combinano le mucche o i cavalli, quest’anno proprio sotto al rifugio vi erano diverse mucche con i loro vitellini e una cavalla con il proprio puledrino.

Alla Baita Cassinelli, sembra scontato dirlo, ma si mangia davvero bene, un ottima proposta culinaria, con grande organizzazione.

Tenete presente in questo periodo e i sabati e le domeniche (a parte brevi periodi dell’anno, la Baita Cassinelli nei week end di solito è sempre aperta nel caso, il sito o la loro pagina facebook è sempre aggiornata sulle aperture o chiusure e sugli eventi che organizzano), è sempre molto gettonato sia da famiglie per la semplicità con qui si raggiunge, sia da alpinisti e scalatori che proseguono il loro cammino su fino alla cima della Presolana, quindi nel caso decideste di pranzare presso la Baita con qualche giorno di anticipo, ricordate di chiamare e prenotare.

Da qui partono molti percorsi alla scoperta della Presolana, per chi ha già bambini grandicelli e autonomi con una certa esperienza di montagna 6/7 anni) vi consiglio di proseguire su fino alla Cappella Savina e poi spingervi fino alla Grotta dei Pagani, in circa 1.30 di cammino (di buon passo) raggiungerete la Grotta dei Pagani e da li avrete una vista spettacolare della valle.

Di certo la Presolana e la Baita Cassinelli non vi deluderanno, sia per il panorama che regalano, sia per l’ottima cucina.

Il ritorno avviene sul medesimo sentiero dell’andata.

Infine quando giungete al passo, andate a godervi il panorama della Presolana sulla nuovissima panchina gigante che è stata installata proprio di fronte all’inizio del tracciato, troverete anche una piccola area giochi per i bambini.

Ammirate il panorama da una prospettiva nuova e portatevi a casa come ricordo quella vista stupenda sulla Presolana.

La panchina gigante della Presolana non è l’unica che trovate sul territorio bergamasco, anzi fuori provincia, ne trovate molte altre in territorio Camuno (nella provincia di Brescia, lungo la Valle Camonica), Lombardiaforkids il portale dedicato alle famiglie per scoprire il territorio lombardo, ha creato un articolo ad hoc proprio sui vari itinerari per scoprire le panchine giganti inserite nel circuito Big Bench, della Lombardia, nate dall’estro di Chris Bangle, di seguito il link per scoprirle tutte: http://www.lombardiaforkids.it/panchine-giganti-lombardia-dove-trovarle

Vi lascio alcune indicazioni per organizzare al meglio la vostra escursione:

Ci troviamo in Lombardia, in alta Val Seriana, presso il Passo della Presolana a 1.297 m s.l.m, facilmente raggiungibile dalle zone limitrofe di Milano e delle province attorno, all’uscita dell’autostrada BERGAMO, seguite le indicazioni per Val Seriana, Clusone, Passo della Presolana.

Il sentiero che conduce alla Baita Cassinelli a 1.568 m s.l.m è percorribile in 45′ minuti a piedi, qualcosa in più con i bambini che iniziano ad affrontare le prime salite in montagna, per il trasporto dei bimbi più piccoli, solo con zaino porta bimbo e non passeggino da trekking, in caso ne fosse sprovvisti, vi lascio il link dove potrete noleggiare lo zaino: http://www.presolanaskiebike.it/

Il sentiero parte proprio dal Passo della Presolana, si tratta di un sentiero per lo più all’interno del bosco, in alcuni punti fate attenzione alla sporgenza di molte radici e sassi che possono risultare scivolose e inciampare in essi. A parte questo breve tratto il sentiero non presenta praticamente nessuna difficoltà, sale dolcemente a parte il primo tratto nel bosco e l’ultimo tratto nel pendio erboso dove presentano la maggior pendenza del tracciato.

Di seguito i link utili per l’organizzazione della vostra escursione:

http://www.visitpresolana.it/

http://www.valseriana.eu/

http://www.rifugiobaitacassinelli.it/it/

Alla prossima escursione con Liberiinnatura…..

navigate_before
navigate_next

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *