RIFUGIO CROSTA PEDALARE CON I BAMBINI

RIFUGIO CROSTA PEDALARE CON I BAMBINI

Il Piemonte, una regione tutta da scoprire con meravigliose vallate, il maestoso ghiacciaio del Monte Rosa, la tradizione Walser e molto molto altro. Oggi vi vogliamo far conoscere un luogo davvero stupendo, ci troviamo nella provincia di Verbania Cusio Ossola, facilmente raggiungibile dalle zone dell’hinterland milanese e varesotto, seguendo la strada statale che porta al passo del Sempione (Svizzera), ci dirigeremo pedalando al rifugio Crosta in valle Divedro, valle laterale della val d’Ossola.

…RIFUGIO CROSTA…

Come anticipato, seguiremo le indicazioni per il Passo del Sempione e prenderemo l’uscita per Varzo centro, subito fuori, allo svincolo svoltate a sinistra, non dritto, perché passerete per il centro di Varzo, allungando la strada, invece seguite Sempione, proseguite per circa un chilometro o qualcosa in più, a un certo punto troverete una strada che svolta a destra per San Domenico e proseguite fino alla località Maulone, il nostro punto di partenza per raggiungere il rifugio, per capire dove fermarvi, prendete come riferimento una piccola cappelletta che trovate sulla destra della strada e poco più avanti sempre sulla destra troverete un piccolo parcheggio libero dove lasciare l’auto. Una volta parcheggiato e sistemato le e-bike siamo pronti per partire, ripercorriamo a ritroso un tratto di strada, pochi metri e sulla sinistra troverete la strada che conduce al rifugio Crosta. Si tratta di una strada gippabile quasi tutta asfaltata, solo l’ultimo tratto in prossimità del rifugio è sterrata. Attenzione, lungo la strada è possibile incontrare auto, che raggiungono le varie baite che si trovano lungo il percorso.Iniziamo subito la pedalata, con una bella salita, che ci mette subito alla prova, immersi in una fitta e bellissima vegetazione, continueremo così per circa un chilometro o poco più, attenzione, non badate alle varie diramazioni lungo la strada voi continuate sempre a seguire il percorso asfaltato. Arriviamo a un bivio, un cartello di legno ci indica Solcio, quello che dobbiamo seguire noi, quindi proseguiamo dritti lungo la strada abbastanza pianeggiante, in questo tratto la vista inizia ad aprirsi sulle montagne circostanti, lungo i prati bellissime baite.

…LUNGO IL PERCORSO…
La strada ora riprende a salire, superiamo la località SALERA 1.203m, con il suo piccolo complesso di case, qua il panorama è davvero stupendo, troverete sulla sinistra anche dei tavoli da pic nic, fontana, e un prato bellissimo. Importante lungo il percorso, l’acqua non manca troverete diverse fontane in legno, pronte a dissetarvi. Ci fermiamo per una piccola pausa lamponi, qualche foto e via che si riparte a pedalare.
…SALERA…
Affrontiamo un altro bel tratto di salita e raggiungiamo la localita LA PREE a 1.297 m anche qua la foto è d’obbligo, meravigliosa vista.
…LA PREE…
Continuiamo lungo il tragitto, sempre su strada asfaltata e raggiungiamo l’alpe Calantigine a 1.476 m, la vegetazione inizia a cambiare, noccioli e betulle, iniziano a lasciare spazio ai pini, lungo la strada ancora deliziose baite qua e la sparse tra i prati, una più bella dell’altra.
…ALPE CALANTIGINE…
Ormai al rifugio non manca molto, proseguiamo lungo la strada circondati da un bellissimo bosco di pini, ed eccoci ormai giunti all’ultimo strappo finale, abbandoniamo l’asfalto e pedaliamo lungo lo sterrato, la strada svolta leggermente a sinistra, in questo tratto il fondo è molto sconnesso, la pedalata diventa difficoltosa, scendiamo dalla bici anche per evitare di far prendere troppi colpi alla bambina e spingiamo per qualche metro in salita l’e-bike, il tratto è brevissimo, poi riprendiamo a pedalare in tutta tranquillità.
Ed ecco finalmente sbucare da sopra una collinetta il rifugio Crosta, ormai ci siamo, ma prima sosta fragoline di bosco, e si abbiamo proprio trovato un angolino con così tante fragoline, ci siamo fatti una bella scorpacciata.
…FRAGOLINE DI BOSCO…
Gli ultimi colpi di pedale ed eccoci finalmente arrivati al rifugio a 1.751 m, in circa 50 minuti effetti di pedalata, senza contare le varie soste per un totale di 9 km.
Appoggiamo le nostre e-bike al porta bici e si, qua potete trovare una piccola officina in caso di necessità e un punto ricarica batterie (portandovi dietro il carica batterie, potrete ricaricarla tranquillamente).
…ANGOLO DEDICATO ALLE E-MTB E MTB…
I gestori Marina ed Enrico, con i loro sorrisi, ci danno il benvenuto, Enrico si intrattiene con Alessandro a parlare di biciclette e dei possibili percorsi che si possono affrontare dal rifugio, ottimi spunti per future gite.
Marina ci consegna una bella tavolozza in legno con intagliato un cuore, per divertici a scattare foto con tanto amore.
…CUORICINI…
Dal rifugio, si ha una bellissima vista lungo la vallata sottostante e sulle cime attorno, la più famosa il monte Cistella.
…PANORAMI…
Il rifugio davvero simpatico e originale, una girandola dai colori dell’arcobaleno, posta in cima a un asse di legno con attaccate diverse località del mondo con la distanza dei km, scegliete la vostra prossima meta…noi con tutto il cuore ROMA…sul lato di una parete del rifugio, troverete una parete di roccia dove scalare, una bellissima veranda dove pranzare, un seggiolino della seggiovia e molto altro…non vi dico tutto se no dov’è il divertimento, dovete scoprirlo voi stessi, con i vostri occhi.
…PROSSIMA TAPPA…
E per i bambini…per loro un bellissimo prato verde dove giocare liberamente, proprio sotto il rifugio avrete tutto lo spazio che vorrete per inventarvi tantissimi giochi, la nostra piccola si è divertita a correre tutto il tempo, a scalare un masso gigante nel prato e a dare da mangiare a un piccolo porcellino in cotto fiorentino posto fuori dal rifugio, la fantasia dei bambini come sempre non conosce confini…
…ALTALENA…
Ed ora dopo tanto gioco è giunta l’ora di pranzare, gnocchi di ortiche su crema di gorgonzola, stinco e tomini alla griglia con speck… e queste sono solo alcune delle fantastiche portate che potrete assaggiare al rifugio Crosta…per farvi capire la bontà…mia figlia di due anni si è divorata uno stinco praticamente da sola..e guai a rubargli un pezzetto per assaggiare….e questo la dice tutta.
Non perdetevi assolutamente la torta ricotta e amaretti, una delizia.
Dopo pranzo, prima di riprendere la via del ritorno, ancora qualche corsetta nel prato sottostante il rifugio, ancora quattro chiacchere con Enrico il gestore del rifugio e poi purtroppo bisogna riprendere la via del ritorno, non prima però di aver fatto qualche deviazione.
E si, sentiamo in lontananza il suono di campanacci, chi saranno, andiamo a curiosare, non facciamo neanche in tempo a scendere dall’e-bike che siamo circondati da un gregge di capre…e una vocina dice Heidi e Peter non c’è….ah…ah…ah…ah.. e no loro non ci sono.
…CAPRETTE AL PASCOLO…
Salutiamo il gregge di capre e riprendiamo la via del ritorno, però abbiamo un ultima piccola deviazione, nel ripercorrere il percorso a ritroso, terminato il punto più sconnesso del tracciato sulla sinistra troverete un ponticello dove scorre un bellissimo ruscello, delle acque freschissime e sopra alle nostre teste tre meravigliosi cavalli e due asinelli che ci guardano incuriositi, li salutiamo e torniamo al ruscello dove ci divertiamo un po con l’acqua, prima di salutare questo luogo davvero meraviglioso, di grande fascino, dove tutto sembra essere perfetto e custodito con grande amore da Marina ed Enrico.
…RUSCELLO…
Il ritorno avviene sul medesimo tracciato percorso la mattina, in circa 25 minuti siamo tornati al punto di partenza, in totale 18 km con un dislivello di 790 m.
Vi lascio alcune informazioni per organizzare al meglio la vostra gita:
Il rifugio Crosta si trova all’alpe Solcio a 1.751m, nella val Divedro, laterale della val d’Ossola, in Piemonte lungo la strada del passo del Sempione che conduce in Svizzera.
Noi con le e-bike, abbiamo percorso il sentiero che di solito si percorre in inverno, coprendo una distanza di circa 8 km in 50 minuti, a piedi ci vogliono 3 ore, vi invito a consultare il sito del rifugio, dove troverete gli itinerari adatti ad affrontare a piedi. Siamo partiti dalla località Maulone a 960 m per raggiungere il rifugio Crosta posto a 1.751 m per un totale di 790 m di dislivello.
Importante, al rifugio è gradita la prenotazione, per organizzare al meglio il servizio.
Di seguito vi lascio alcuni link utili dove potrete trovare ulteriori informazioni e il punto noleggio più vicino.

http://www.sandobikepark.com/noleggio/

http://www.rifugiocrosta.it/contatti/

Alla prossima avventura con Liberiinnatura….

navigate_before
navigate_next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *