RIFUGIO ALPE GRANDA, TREKKING IN VAL MASINO

RIFUGIO ALPE GRANDA, TREKKING IN VAL MASINO

Per una domenica, abbandoniamo le nostre e-bike, per rimetterci in cammino. Oggi siamo andati alla scoperta di un bellissimo rifugio nel cuore della Val Masino, una valle laterale della famosa Valtellina, terra dai magnifici paesaggi e grande tradizione culinaria. Sentita più volte nominare, per le sue acque termali (Bagni di Masino), abbiamo deciso di andare di persona a scoprire questa valle, forse meno nota della sua vicina val di Mello, ma di grande fascino, ha molto da offrire e piano piano cercheremo di conoscerla meglio, nel frattempo il rifugio Alpe Granda ci attende e noi stiamo arrivando.

…RIFUGIO ALPE GRANDA…

Raggiungiamo l’abitato di Ardenno (SO) e risaliamo lungo la valle che ci porterà in val Masino. Superiamo il paese di Cataeggio e proseguiamo per Filorera, lungo la strada troverete un cartello indicante Alpe Granda, dovrete girare a destra e proseguire sulla strada, che vi porterà in località Valbiore, per chi come noi non prosegue, prima di attraversare il ponte, lasciamo la macchina a un parcheggio sulla sinistra poco prima del ponte (parcheggio libero e non a pagamento), per proseguire lungo la strada che vi porta al rifugio Scotti e fino al parcheggio di Preda Rossa (già segnata come futura meta da percorrere in E-Bike, dalle foto che ho visto tramite internet merita veramente) bisogna acquista in paese un pass dal costo di 5€. Dal parcheggio, a piedi proseguiamo lungo la strada asfaltata per circa un chilometro, poi sulla destra troveremo un grande cartellone giallo indicante Alpe Grande 1.15 minuti.

…SENTIERO NEL BOSCO…
Quindi abbandoniamo la strada, per proseguire lungo il sentiero all’interno del bosco, una salita costante, intervallata da brevissimi tratti di piano, la fatica si sente sopratutto se sulle spalle porti una bimba di 15 kg, ma a turno, ci dividiamo il dolce peso. Il sentiero come detto precedentemente è quasi prettamente all’interno di un bellissimo bosco, il sentiero è abbastanza stretto, con presenza di sassi e radici in superficie, come trekking io lo consiglio a famiglie con bambini già autonomi, abituati a camminare su sentieri di montagna, per bimbi più piccoli assolutamente consigliato lo zaino portabimbo, il percorso non è fattibile con passeggino da trekking. Fortunatamente, vista la giornata calda e umida, ringrazio questo bellissimo bosco, che ci ripara dai raggi di sole. Usciamo dal bosco e ci troviamo presso le baite di Tajeda a 1492m, davanti a noi si apre un bellissimo panorama sulla valle.
…BAITE DI TAJEDA…
Ci fermiamo a fare quattro chiacchere con due signore del luogo, alle prese con le pulizie delle loro baite e il taglio dell’erba, ci invitano a riposare un pochino, per poi affrontare l’ultimo strappo finale. Su di una baita troviamo l’indicazione Alpe Granda, 30 minuti.  Dovo aver ripreso fiato, proseguiamo sulla sinistra e su dritti, lungo il sentiero che risale un bellissimo prato fiorito, per poi, proseguire ancora all’interno del bosco.
…IL PANORAMA LUNGO IL SENTIERO…
Ormai dovremmo esserci, iniziamo a intravedere la luce che filtra all’interno del bosco, con qualche piccolo trucchetto, riusciamo a far camminare la nostra piccola nell’ultimo tratto, di sentiero che si presenta più dolce.
Ed eccoci finalmente fuori da bosco. Davanti a noi un bellissimo altopiano verdeggiante e il rifugio ad attenderci li davanti a noi, ancora un ultimo sforzo e anche questa meta è conquistata.
…IL TRATTO FINALE DEL SENTIERO NEL BOSCO…
Tagliamo il prato e giungiamo su una strada mulattiera che ci porta dritti al rifugio, siamo a 1680m, finalmente un po di fresco.
…IL RIFUGIO ALPE GRANDA…
 Ed ora il meritato riposo. Sorseggiando una bella bibita fresca nella veranda del rifugio, ci godiamo il panorama sulle cime davanti a noi, la più famosa e conosciuta il pizzo Badile. Nel frattempo la nostra bimba non perde tempo e con i giochi che ha trovato al rifugio (camioncino e ruspetta) si mette a giocare nel bellissimo prato davanti al rifugio. Di spazio ce ne davvero in abbondanza.
…IL BELLISSIMO PRATO DAVANTI AL RIFUGIO…
All’interno del rifugio troverete altri giochi in scatola e giochi per i più piccini. Facciamo il giro del rifugio, troviamo un angolino ricco di fragoline di bosco, gnam..gnam, davvero buonissime. Giochiamo un po con la palla, e ci divertiamo a guardare i grilli che saltano, e qualcuna fa finta di essere un grillo e salta a destra e a sinistra…la fantasia dei bambini non conosce confini.
E’ giuntà l’ora di mettere le gambe sotto il tavolo, per prima cosa ci portano il piatto per la nostra piccola, così con tutta tranquillità riusciamo a farla mangiare, un gustosissimo piatto di costine al forno con polenta, divorate, erano davvero ottime.
Così lei è libera e mamma e papà, ora possono godersi in tutta tranquillità un delizioso piatto di pizzoccheri fatti in casa.
Chiara gestore del rifugio è davvero una gran cuoca, oltre a una grande cortesia e gentilezza che si respira in questo bellissimo rifugio, di sicuro non rimarrete delusi dall’accoglienza e dall’ottima cucina casereccia.
Con le pance belle piene, giochiamo ancora un po nel prato, prima di riprendere la via del ritorno, lungo lo stesso tracciato fatto la mattina.
…PANORAMA DAL RIFUGIO ALPE GRANDA…
Di seguito vi lascio alcune indicazioni per organizzare la vostra gita:
Il rifugio Alpe Granda si trova in val Masino, valle laterale della Valtellina (SO), raggiungibile dalle zone di Milano e dintorni in circa 1.30 di macchina.
Dal punto dove abbiamo lasciato la macchina al rifugio ci abbiamo impiegato 1.15 minuti è un tempo indicativo, perché ognuno ha il suo passo.
Partendo da un altezza di circa 1210m raggiungiamo i 1680m del rifugio Alpe Granda per un dislivello di 470m.
Importante: ricordatevi di prenotare, al  momento della prenotazione vi sarà detto il menù del giorno da scegliere, per organizzare al meglio il servizio.
Di seguito i link che possono tornare utili:
navigate_before
navigate_next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *