MALGA STABLASOLO E CASCATE DI SAENT: PEDALARE E CAMMINARE CON I BAMBINI IN VAL DI RABBI

MALGA STABLASOLO E CASCATE DI SAENT: PEDALARE E CAMMINARE CON I BAMBINI IN VAL DI RABBI

Continua la nostra scoperta della val di Rabbi, oggi visto il bellissimo sole, cielo azzurro e terso, decidiamo di noleggiare due e-bike e carrellino per compiere un bellissimo itinerario che sarà diviso in due parti, la prima una bellissima pedalata fino alla Malga Stablasolo e la seconda parte dell’escursione un bellissimo trekking alla scoperta delle cascate di Saent.

Con un giorno di anticipo prenotiamo le nostre e-bike, presso il negozio a San Bernardo  http://www.rabbiexplore.it/.
L’indomani ecco pronte le nostre due e-bike e carrellino porta bimbo, il titolare del negozio, un ragazzo gentilissimo, ci da tutte le dritte del caso e ci spiega l’itinerario da fare, visto il periodo, inizio primavera, molte malghe sono ancora chiuse, fortunatamente invece Malga Stablasolo è aperta e noi siamo pronti per scoprire un altro angolo meraviglioso della val di Rabbi. Partiamo direttamente con le e-bike dal negozio di noleggio, ci immettiamo sulla strada principale e continuiamo per un paio di km, fino a quando la strada si spiana (sulla destra troverete la strada che risale verso Piazzola, voi continuate dritti per un centinaio di metri, superate un paio di abitazioni sulla destra e una sulla sinistra) e dopo aver superato quest’ultima troverete sulla vostra sinistra un ponte di legno, svoltiamo a sinistra, abbandoniamo la strada principale per immetterci su una strada secondaria che costeggia il fiume Rabbies, sulla destra e sulla sinistra un bellissimo bosco,  giungiamo fino alla Segheria dei Begoi, e da qui ci rimettiamo sulla strada principale, superiamo le terme di Rabbi e proseguiamo poco oltre, la nostra primissima tappa è il parco giochi in località Al Plan, un bellissima struttura, tra scivoli, altalene, reti per arrampicarsi, ce ne per tutti i gusti.
Dopo aver giocato un po, riprendiamo a pedalare lungo la strada. superiamo il campeggio e continuiamo lungo la strada forestale. Piano piano la strada si fa più ripida. Superiamo questo primo tratto di salita e ci immettiamo sulla strada asfaltata direzione località Coler.
Raggiungiamo Coler, ci fermiamo per un paio di foto e riprendiamo la nostra pedalata lungo la strada pianeggiante superiamo l’albergo Ai Fontanin, e proseguiamo sulla sterrata che dolcemente prende quota, costeggiamo bellissimi prati che stanno per rinascere, qua e la qualche crocus, ormai manca solo il tratto finale, scorgiamo la malga che è sopra le nostre teste, la salita inizia a farsi un po più ripida, superiamo gli ultimi tornanti, ed eccoci giunti alla malga Stablasolo a 1539, all’interno del parco nazionale dello Stelvio. Davanti a noi si apre uno spettacolo, la valle e le cime ancora innevate, una gioia per gli occhi.
Troviamo un angolino per parcheggiare le nostre e-bike, troviamo posto all’esterno su bellissimi tavoloni in legno, un sole bello caldo ci tiene compagnia.
Essendo primavera per gli animali in malga è ancora presto, sarà un occasione buona per ritornare in estate.
E’ tempo di recuperare le energie perse con un ottimo pranzetto, la scelta è veramente difficile, ogni piatto è un invito, decidiamo alla fine per un piatto unico di canederli, gulasch con polenta e una bella fetta di formaggio di malga, meglio di così, un mix perfetto, tutto buonissimo, ma il formaggio era il top.
La malga è veramente molto bella, al fianco si trova anche il caseificio, non ancora attivo visto il periodo. Adattissimo per i bambini, per il grande spazio intorno alla malga e i prati circostanti dove giocare. Il personale davvero gentile e il servizio davvero ottimo, rapidi e veloci nel servire i piatti, utilissimo se ti trovi un bimbo con una fame da lupi….
Dopo esserci riposati e ammirato il panorama e sopratutto aver fatto sfogare la piccola di casa, riprendiamo le nostre e-bike per giungere all’inizio del nostro trekking verso le cascate di Saent. Dalla malga prendiamo la mulattiera sulla sinistra del parcheggio, seguiamo la strada tra sali e scendi fino ad arrivare al ponticello dove lasciamo le nostre e-bike, le leghiamo, il noleggiatore ci ha fornito anche il lucchetto.
Da qui inizia il nostro cammino alla scoperta di queste meravigliose cascate, le tempistiche siamo in torno ai 45 minuti per raggiungere la cascata superiore, noi ci abbiamo messo un po di più, perché quel giorno la nostra piccola era in vena di camminare e mano nella mano si è fatta tutto il cammino con i suoi piedini, tra giochi, tra lancio di sassi nel fiume, ha raggiunto la meta.
E’ stata veramente bravissima, la cosa non si è più ripetuta..ah…ah…ah…ah…ah… lei è comoda sul seggiolino dell’e-bike….
Superata la prima salita, il sentiero continua per lo più a gradoni, non presenta grosse difficoltà, a parte la fatica della salita, fate attenzione in alcuni punti un pochino esposti.
Come anticipato prima, iniziamo il nostro cammino, superiamo il ponte in legno e piano piano risaliamo lungo il sentiero molto largo, sulla nostra sinistra il torrente Rabbis, vigoroso scorre lungo la vallata, grazie anche allo scioglimento delle nevi, è ricco di acqua, giungiamo a un pianoro, dove vi sono delle pozze e la nostra piccola ne approfitta per giocare . Proseguiamo il cammino e iniziamo uno alla volta a superare i gradoni, e giungiamo al cartello dove indica che siamo di fronte alla cascata bassa di Saent, foto di rito e continuiamo la salita lungo il sentiero, in un bellissimo bosco di larici. Terminata la salita, continuiamo lungo il sentiero pianeggiante fino a raggiungere il famoso ponte in legno, (visto molte volte in foto) e ecco davanti a noi la cascata alta di Saent, con tutta la sua forza e il suo fragore, è veramente uno spettacolo della natura.
Gli spruzzi d’acqua ci rinfrescano il viso, troviamo un angolino per osservare questa meraviglia. In nostro itinerario finisce qua di fronte a questo spettacolo.
Riprendiamo la via del ritorno, la piccola dopo le fatiche si gode il meritato riposo tra le braccia di papà. Recuperiamo le e-bike e diciamo arrivederci a questi piccoli angoli di paradiso.
La strada ora è tutta in discesa, tranne alcuni tratti in piano, riconsegniamo le e-bike e ringraziamo dei preziosi consigli forniti.
Di seguito vi lascio alcuni link utili e informazzioni per organizzare la vostra escursione:
https://www.valdirabbi.com  – portale ufficiale della Val di Rabbi, dove troverete tutte le informazioni per organizzare al meglio la vostra vacanza e le vostre escursioni
https://www.masofiordibosco.it – si tratta del maso dove abbiamo soggiornato in questi 4 giorni. Posso solo spendere belle parole, ci siamo trovati benissimo. A conduzione famigliare, gentilezza e cortesia, la fanno da padrone. Cucina casereccia deliziosa, ogni sera ci venivano proposti piatti tipici del luogo con prodotti propri o dei contadini locali. Colazione abbondante con torte e biscotti fatti in casa, yogurt di loro produzione e succhi sempre di loro produzione. Il titolare ogni mattina ci dava delle ottime dritte per le nostre escursioni e sopratutto grande gentilezza e disposizione con i bambini.
NOLEGGIO RABBI EXPLORE: http://www.rabbiexplore.it/
L’itinerario da noi fatto può essere percorso a piedi ed è adatto anche con passeggino da trekking fino alla malga Stablasolo, per le cascate invece se i bambini non sono ancora indipendenti nel camminare è indispensabile zaino portabimbo. In estate la viabilità per raggiungere la località Coler è regolata, di seguito il link https://www.valdirabbi.com/it/stelviobus-rabbi per tutte le informazioni del caso.
In località Coler troverete un parco giochi “Il gioco del parco” che attirerà di sicuro l’attenzione dei vostri piccoli.
A presto con altre bellissime escursioni

navigate_before
navigate_next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *