IN E-MTB LUNGO LE RIVE DEL LAGO DI MOLVENO E NEMBIA

IN E-MTB LUNGO LE RIVE DEL LAGO DI MOLVENO E NEMBIA

Proprio sulle rive di questo lago è nata la malsana idea di acquistare due e-mtb e un seggiolino e iniziare a percorrere i sentieri di montagna su due ruote. Ci troviamo in vacanza a Molveno, paese idilliaco per le famiglie, grazie agli innumerevoli servizi che offre, ma anche per chi ama la montagna qua di certo non rimarrà deluso. Il maestoso Brenta a fare da cornice, e le acque cristalline dell’omonimo lago (giudicato fra i più bei laghi d’Italia), lo rendono unico nel suo genere, senza dimenticare la vicinanza con l’altopiano della Paganella, altro spunto per bellissime escursioni. Dopo diverse camminate alla scoperta delle bellezze del luogo, oggi decidiamo di noleggiare due e-bike e compiere l’intero giro del lago. Proprio a fianco alla funivia “La Panoramica” troviamo il negozio specializzato in noleggio biciclette, c’è ne per tutti i gusti (Danger Zone Bike – www.dangerzonebike.com), a noi vengono assegnate due fat e-bike
Con un giorno di anticipo prenotiamo le nostre e-bike con seggiolino porta bimbo e l’indomani alle ore 9, ecco pronti i nostri nuovi mezzi di trasporto, che ci accompagneranno in questa nuova avventura per tutto il giorno.
Dopo aver terminato le ultime burocrazie e averci spiegato l’itinerario da seguire, siamo pronti per partire.
Ci dirigiamo verso il lido, al termine della discesa, invece di proseguire lungo la strada principale, svoltiamo a destra seguendo le indicazioni per Baita Ciclamino (Via Dolomiti), la strada si presenta con una leggera, ma costante salita, fino a raggiungere la Baita Ciclamino.

 

…Baita Ciclamino…

Il tempo per un paio di foto e riprendiamo a pedalare. Dalla Baita svoltiamo a sinistra e giù verso la ripidissima discesa tornando verso Molveno (Via Lungolago), al termine della quale svoltiamo a destra e continuiamo lungo la strada sterrata che prosegue in piano nel bosco. Se fino adesso abbiamo seguito l’itinerario n. 799, lo abbandoniamo e proseguiamo la nostra pedalata lungo l’itinerario n. 791.
Pedalando, ci godiamo il panorama che passa davanti ai nostri occhi, sembra scontato ma è bene ripeterlo, scorci meravigliosi ci sta regalando questo lago stupendo. Facciamo una piccola deviazione lungo il percorso, per salire alla Baita ai Fortini, era una meta nella lista di cose da vedere qua a Molveno e visto che siamo qua perché non approfittarne. La salita su strada cementata si presenta ripida, quindi è giunto il momento di mettere alla prova le nostre gambe, ma sopratutto il motore di queste due ruote. Aumento il livello di assistenza nella pedalata e devo dire che l’aiuto si sente, la strada risale a tornanti e in 10 minuti o poco meno raggiungiamo la baita.
…Baita ai Fortini…
Un luogo alquanto idilliaco, per la pace e per il panorama che regala. Un bellissimo prato verde con dei scivoli e una casetta per i bambini. Tavoli all’aperto e sdraio per prendere il sole. Facciamo scendere la nostra piccola che può scorrazzare liberamente nel prato e giocare, noi ne approfittiamo per sorseggiare qualcosa di fresco e per curiosare in torno.

…liberi di giocare in natura…

La vista sul lago è veramente meravigliosa. E’ un vero peccato non fermarsi a mangiare qua, ma è ancora presto e abbiamo ancora quasi tutto il lago da percorrere. Ne approfittiamo per farci fare dei panini da portare con noi per il pranzo al sacco. Disponibilissimi i gestori, ci preparano degli ottimi panini. E’ ora di riprendere la strada per continuare la nostra escursione.

…lago di Molveno…

Ripercorriamo la strada in discesa fino ad arrivare al bivio per riprendere il sentiero n. 791.
Pedalando con tutta tranquillità, raggiungiamo il tratto finale che poi ci immetterà sulla strada asfaltata per raggiungere il lago di Nembia Oasi del WWF. L’ultimo pezzo leggermente in discesa si presenta con un fondo un po più sconnesso rispetto al fondo trovato in precedenza, la presenza di alcuni sassi sporgenti sulla strada richiedono un attimo di attenzione in più per riuscire a trovare la traccia migliore per fare meno fatica. Sbuchiamo sulla strada cementata che prosegue in piano fino a raggiungere il lago Nembia, in brevissimo tempo eccoci giunti sulle rive di questo bellissimo lago color smeraldo.

…lago di Nembia…(oasi WWF)

Troviamo un angolino tranquillo, belli al fresco sotto l’ombra di un bellissimo albero, ci prepariamo per il nostro picnic e nel frattempo la nostra piccola ne approfitta per un bel riposino sull’erba. Qui troverete aree picnic, con tavoli, area giochi per i bambini con altalene e scivoli, ma di sicuro saranno più attratti dall’acqua, che da tutto il resto. Dopo aver cercato di immortalare al meglio questo meraviglio specchio d’acqua, riprendiamo le nostre e-bike per compiere l’ultimo tratto di lago che ci ricondurrà a Molveno.

…lago di Nembia…

Il giro che stiamo percorrendo è in senso antiorario. Ripercorriamo la strada asfaltata per riportarci sulle sponde del lago di Molveno. Riprendiamo il sentiero 791 quest’ultimo tratto a mio parere personale per vegetazione e per visibilità è il tratto migliore, in lontananza il paese di Molveno, sulla nostra sinistra il Brenta. In questo lato del lago, il percorso lo definirei più sentiero, in quanto molto più stretto rispetto al lato opposto, però rende la gita ancora più interessante.

…lago di Molveno…

Il tracciato si intervalla tra saliscendi, con qualche tratto di piano. Giunti quasi al termine del percorso, il tracciato si interrompe, bisogna attraversare la statale e riprendere la traccia che prosegue sopra la statale, sempre nei boschi, per poi riscendere riattraversare la statale e ritornare sulle sponde del lago di Molveno, fino al lido, dove ci fermiamo per un ottima merenda,  al nostro bar di fiducia, dove fanno delle ottime pizze, garantito. (Bar gelateria pizzeria Pizzico). Al lido troverete anche dei punti di ricarica per l’e-bike.
Il tempo a nostra disposizione sta per scadere, ormai è giunta l’ora di restituire queste E-MTB.
Di sicuro se vi trovate in villeggiatura qua a Molveno, è un esperienza assolutamente da provare. Noi abbiamo scelto questo itinerario, per la sua facilità e per le peculiarità del percorso è adatto alle famiglie in quanto non presente particolari difficoltà.
Oltre a questo l’offerta è molto ampia, dipende dalle vostre esigenze a dai vostri gusti.
Devo dire la verità, mi è sempre piaciuta l’idea di pedalare tra i sentieri di montagna, ma ovviamente con MTB devi essere ben allenato per affrontare i tracciati. L’E-bike invece si rivolge a un pubblico più ampio, infatti grazie all’ausilio del motore elettrico, che rende la pedalata più fluida e costante anche in presenza di ripide salite. Avendo diversi livelli di assistenza, possiamo decide noi personalmente quanto aiuto vogliamo.
Di seguito vi lascio alcuni siti che saranno utili per organizzare al meglio la vostra escursione:
Buon divertimento, a presto
navigate_before
navigate_next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *